Mammografia

 
 

La mammografia è la tecnica diagnostica che permette l’esplorazione della mammella in tutta la sua completezza e che offre la maggior sensibilità (>85%) nelle donne con ghiandola mammaria non densa. L’unico mezzo per raggiungere la diagnosi precoce del tumore al seno è sottoporre sistematicamente le donne asintomatiche ad un esame diagnostico: tra i diversi metodi la mammografia è attualmente il più rapido e sicuro nelle donne sopra i 50 anni.

La mammella durante l’esame deve essere sempre compressa, progressivamente ma in modo tale da ridurne sensibilmente lo spessore: ciò può causare talvolta, oltre ad un senso di fastidio, un fugace dolore sopportabilissimo, per cui appaiono ingiustificate le paure di alcune pazienti a sottoporsi alla mammografia. Ciò per ridurre la dose di radiazioni, per studiare meglio la mammella e per valutare più correttamente eventuali alterazioni patologiche.

La mammografia è il metodo attualmente più efficace per la diagnosi precoce nel seno non denso. Per questa ragione è consigliato a tutte le donne dopo i 40 anni. Nelle donne che hanno avuto una madre o una sorella malata in genere si comincia prima, verso i 35 anni.